ORFANOTROFIO SAN MARTIN

L’Orfanotrofio è situato nel centro di KITWE ed è gestito da Suore Battistine (nello specifico Sister Regina) e il nostro impegno consiste nel sostentamento di circa 30 bambini Orfani e nella gestione dei sostegni a distanza.
 

SAN JOSEPH

La missione situata in piena foresta, a circa 40 min di macchina da KITWE, contornata da numerevoli villaggi, è la nostra base di appoggio per tutti i nostri viaggi e casa della nostra Sister Carmela.
In questa missione contribuiamo al mantenimento e all'istruzione di circa 150 bambini sordi.

Farm (Chingola)

Il nostro prossimo progetto legato alla Farm prevede la costruzione di una piccola unità abitativa, composta di quattro o cinque vani, che avrà un costo di circa 30.000,00 €, e che sarà destinata a ospitare stabilmente due o tre Suore, che potranno così controllare giornalmente il buon funzionamento e la produzione dell’azienda agricola.
In futuro potremo cercare di rendere autonoma l’intera Farm grazie alla progettazione e costruzione di un piccolo impianto fotovoltaico, che potrà fornire così l’energia elettrica di cui necessitano sia i vari allevamenti sia le coltivazioni.
Bonificando il vasto appezzamento di terreno, abbiamo constatato la possibilità di sviluppare la produzione della fattoria aumentando la produzione di ortaglie e colture in genere e di incrementare la produzione animale e suoi derivati per cercare di garantire almeno un pasto al giorno ai bambini della scuola di CHACEMA MUSUMA.
Con l’insediamento delle Suore all’interno dell’azienda agricola, siamo certi, sarà incrementato il lavoro, la produzione agricola, e la cura di tutti gli animali; questo ci permetterà quindi di assumere all’interno della Farm altro personale oltre quello già utilizzato.
Il nostro fine è, infatti, quello di riuscire, attraverso la vendita e il consumo dei prodotti agricoli, al mantenimento della vicina Scuola “Federico Brilli” che abbiamo inaugurato nel 2012 e che ospita dai 700 agli 800 bambini, la maggior parte dei quali sono orfani di entrambi i genitori. L'intento è quindi quello di dare mantenimento e istruzione.
Proprio alla scuola “Federico Brilli” nel 2012 sono stati donati, dal Rotary Club di Cortona, gli arredi scolastici per le nuove aule. L’anno precedente, grazie al contributo del Rotary Club Arezzo Est, è stato invece finanziato l’acquisto di un pulmino 12 posti.

Aggiornamento 2015

Nell’anno 2015 il progetto dell’azienda agricola è stato sviluppato tramite l’aumento dei capi di bestiame. Durante l’ultimo viaggio abbiamo notato una generale diminuzione delle colture, dovuta sia alla stagione particolarmente secca, sia al taglio dell’energia elettrica operato dal governo per diverse ore al giorno che rende molto difficoltoso annaffiare gli ortaggi lontani dalle fonti d’acqua. Per questo motivo si è deciso di finanziare un impianto fotovoltaico che fornisca l’energia sia alla struttura abitata dalle suore, sia alle pompe che irradiano l’acqua dal laghetto ai campi. In questo modo l’azienda sarà indipendente dall’energia elettrica statale ed anche il terreno coltivato potrà essere più esteso.
 

UN NUOVO POZZO E L’IMPIANTO FOTOVOLTAICO

Nel 2015, in Zambia, la stagione delle piogge si è fatta sentire poco, al punto che, la scarsa quantità di acqua, il cambiamento climatico, oltre ai consueti costi fissi di produzione, hanno spinto gli operai della farm ad optare per differenti tipologie di colture.
Ad oggi, le risorse prodotte e i profitti che derivano dalla vendita degli stessi beni, non sono sufficienti per poter garantire un pasto giornaliero ai bambini della vicina scuola “Federico Brilli”.
Consapevoli di ciò, l’associazione, tenendo bene a mente il proprio obiettivo, ha contribuito alla costruzione di un nuovo pozzo e all’installazione di un impianto fotovoltaico.
due investimenti fondamentali in un’ottica di lungo periodo: il sistema di irrigazione si dimostrerà fin da subito più efficace e le spese per alimentare le pompe diminuiranno progressivamente con la produzione di energia generata dai pannelli solari.
minori COSTI , maggiore PRODUZIONE = più Cibo per i bimbi

Arriviamo in Zambia ed ad accoglierci all’Aeroporto di Ndola ci sono le Sisters che ci accompagnano a Saint Joseph da Sister Carmela.
Sister Carmela è sempre attivissima nella sua vocazione, pronta, acuta e sempre molto presente in tutte le situazioni, sta bene nonostante il suo incidente e prosegue meravigliosamente nella sua missione.
Ogni volta è una nuova volta, nuove emozioni e comunque sempre una bella, buona e gratificante esperienza!

Vi racconto in breve come proseguono i nostri progetti.

Sordi a S. Jospeh:

prosegue il nostro aiuto nei confronti di Sister Carmela che con la scuola segue circa 150 ragazzi sordi.
In agosto non ci sono i ragazzi sordi, ma la struttura è ben mantenuta e Sister Carmela conferma la necessità del nostro aiuto anche relativamente al container che viene spedito regolarmente ogni anno.

sjoseph 01
sjoseph 02
sjoseph 03

Ex Orfanotrofio di Saint Martin:

La Missione di Saint Joseph attualmente ospita i bambini da 1 a 6 anni dell’ex Orfanotrofio di Sain Martin.
Ci sono 14 bambini per vari motivi orfani di padre e/o madre che le Suore seguono con amore e passione. Il nostro aiuto conferma che i bambini sono accuditi, stanno bene e vivono una vita tranquilla e serena.
Ci sono: Emanuel, Steven, Death, Given, Patricia, Prudence, Rebecca, Josephine, Lidia, Grace, Meaia, Oripa Brenda e Gifty.
Abbiamo trascorso con loro del tempo e sinceramente non ce ne saremmo mai andati!!
I bambini maschi più grandicelli dell’ex Orfanotrofio Saint Martin sono attualmente ospitati nella Missione di Kalulushi.
Ci sono sette bambini: John, Joseph, Davis, Cornelius, Condon, Benjamj e Joseph.
Infine le bambine femmine più grandicelle dell’ex Orfanotrofio Saint Martin sono attualmente ospitate nella Missione di Chingola.
Ci sono otto bambine: Miria, Silvia, Livia, Nancy, Morine, Alina, Agnese, Cochena.
Abbiamo visitato entrambe le strutture.  I bambini stanno bene!! 

ex orf smartin 04
ex orf smartin 09
ex orf smartin 02
ex orf smartin 07
ex orf smartin 03
ex orf smartin 06
ex orf smartin 05
ex orf smartin 01
ex orf smartin 08

L’azienda agricola “Farm” di Chingola:

Purtroppo la Farm di Chingola non va bene.
Il fiume che procurava acqua per lo sviluppo della farm è in secca e il pozzo che insiste all’interno della farm aveva la pompa rotta.
Abbiamo sostituito la pompa, ma ciò non porterà ad un grande miglioramento.
C’è un allevamento di circa 180 maiali, qualche pecora, polli e colture varie.
La vasta area potrebbe essere sviluppata, ma la mancanza di acqua impedisce lo sviluppo dell’attività e la coltivazione delle varie colture.
Di per sé sarebbe una bella realtà, ma c’è tanto da lavorare e sviluppare.

farm chingola 04
farm chingola 02
farm chingola 01
farm chingola 03
farm chingola 13
farm chingola 10
farm chingola 06
farm chingola 09
farm chingola 12
farm chingola 11
farm chingola 05
farm chingola 07
farm chingola 08

School Cachema Musuma:

Con Sister Alice abbiamo visitato la Scuola di Cachema Musuma, ovvero la scuola collegata alla Farm di Chingola.
Non vi erano ragazzi per via delle vacanze, ma abbiamo incontrato Menda Menda, la signora responsabile della scuola.
Ci riferisce: la scuola è una “Primary School” cioè bambini da 1 a 6 anni, 8 classi, 6 maestri stipendiati e 4 volontari.
Le Sisters con la collaborazione dei genitori dei bambini hanno sviluppato il progetto “P.T.A. – Parents, Teachers Associations” ovvero un’associazione tra i genitori e gli insegnanti per il mantenimento degli alunni. I genitori forniscono pomodori e verdure per il mantenimento dei ragazzi.
Il problema rimane per i più o meno cento ragazzi che sono orfani di padre e/o madre e che quindi rimangono fuori dal progetto P.T.A.
Sister Alice infatti conferma la necessità di aiuti per questa realtà.

school cachema musuma 01
school cachema musuma 03
school cachema musuma 04
school cachema musuma 05
school cachema musuma 02

Lebbrosario a Solwesj:

Missione guidata dalla vulcanica Sister Lucy: donna piena di idee, molto attiva ed inventiva.
Queste grandi qualità hanno fatto sì che il Lebbrosario di Solwesj abbia visto un grande sviluppo e miglioramento.
Infatti l’impianto idrico ripristinato l’anno scorso funziona correttamente, arriva acqua dalla diga, ci sono allevamenti di maiali, galline, polli, quaglie e di conseguenza uova, colture varie e produzione di circa 130 quintali di granoturco.
E’ stata riaperta la scuola materna.
I lebbrosi attualmente in vita sono circa sette, non ci sono bambini tra i lebbrosi, i più anziani stanno male e alcuni sono morti di malaria.
Sister Lucy comunque ci conferma la necessità di continuare con il progetto per i Lebbrosi.

lebbrosario solwezi 11
lebbrosario solwezi 05
lebbrosario solwezi 09
lebbrosario solwezi 01
lebbrosario solwezi 02
lebbrosario solwezi 13
lebbrosario solwezi 14
lebbrosario solwezi 12
lebbrosario solwezi 07
lebbrosario solwezi 04
lebbrosario solwezi 06
lebbrosario solwezi 03
lebbrosario solwezi 08
lebbrosario solwezi 15
lebbrosario solwezi 10

 

Grazie a tutti!!