Gli Occhi della Speranza - ONLUS

Amare l'Africa significa Amare la Vita

Progetti
  • 1
  • 2

news

  • 1
  • 2
image

Bonifico Bancario

IBAN:
IT92 S 05496 71410 000013180005

image

5x1000

C.F.:92045780514
guida

image

Donazione Online


informazioni

image

Merchandising


prodotti

image

Bomboniere/Pergamene


informazioni

 
Gli Occhi della Speranza - ONLUS
official spot

Clicca qui per guardare lo spot del regista Paolo Sodi

grazie al suo contributo, attraverso queste suggestive riprese potrai capire meglio chi siamo e cosa facciamo.

Un gruppo di amici e una passione comune . . . l’AFRICA!!!

Nata nel 2002 e riconosciuta ONLUS tre anni dopo
dai primi passi all’interno di due Missioni Battistine in Zambia la nostra associazione è cresciuta, grazie anche al contributo e alla generosità di moltissimi amici e sostenitori, conseguendo importanti risultati.

Inoltre nel 2012 è nata una collaborazione con un gruppo di medici già attivi in Sierra Leone.

presentazione completa

PROGETTI EDUCATIVI - "non dare loro un pesce ma insegnagli a pescare"

Creazione di scuole, corsi di specializzazione tecnico-profesionale e sostegni scolastici a chi è meno fortunato così da poter favorire l'accesso e/o il proseguimento degli studi a bambini e giovani che altrimenti ne rimarrebbero esclusi. approfondimento

Oculistica

Lo scopo del nostro progetto è quello di svolgere assistenza oculistica nella città di Kabala, capoluogo della regione di Koinadougou, nel nord della Sierra Leone. La povertà e le carenze sanitarie della nazione sono note e sicuramente più evidenti in queste regioni interne.

L’attività di collaborazione ed assistenza è iniziata nel 2010 dall’incontro e dall’ amicizia nata con il governatore della regione da parte di alcuni medici toscani.
Sono stati così creati all’interno dell’ ospedale di Kabala un ambulatorio odontoiatrico, un ambulatorio oculistico con attività chirurgica e sono stati svolti molti interventi di chirurgia generale.

Con l’apertura della attività oculistica, avvenuta nel novembre 2011, sono state effettuate circa trecento visite, distribuiti circa centocinquanta occhiali ed eseguiti trenta interventi di cataratta.
In seguito altre tre missioni, gennaio 2013 e gennaio e febbraio 2014 hanno permesso di implementare le prestazioni effettuate e la distribuzione di farmaci ed occhiali.
Contemporaneamente, e per due anni, sono state pagate le spese di istruzione, con vitto e alloggio, per due ragazzi presso l’ospedale oculistico privato di Lunsar.


La carenza di medici è estrema; l’università della capitale laurea cinque medici l’anno e gli oculisti presenti in tutta la nazione sono poche unità, prettamente tutte in ambito privato.

Abbiamo quindi cercato, nell’ottica di una continuità assistenziale e nella ricerca di favorire sviluppo ed autonomia, di avere delle figure professionali, con conoscenze oculistiche che potessero svolgere quantomeno attività di base di diagnosi e cura, prescrizione occhiali, screening pediatrici e piccola chirurgia.

Sempre nella città di Kabala abbiamo stretto una collaborazione con la locale scuola per ciechi, dove altre onlus hanno costruito in precedenza una casa per alloggiare circa ottanta ragazzi non vedenti che altrimenti sarebbero stati abbandonati a se stessi in alloggi lontani e fatiscenti.
A loro abbiamo già inviato dattilo braille, carta per scrittura, strumenti per calcolo aritmetico e soprattutto, abbiamo inviato un pulmino per trasportare i ragazzi delle scuole superiori in città, evitando loro il pericoloso tragitto a piedi.
Infine stiamo organizzando un intervento oculistico in Italia per l’unica ragazza di tutta la scuola che, probabilmente con un trapianto di cornea, potrà riacquistare la vista.
Il desiderio di continuare i progetti già impostati, anche per non illudere chi attende e confida nelle nostre azioni, rendono incessante la richiesta di collaborazione, di aiuto logistico ed economico. Varie sono le associazioni, onlus o aziende private, che hanno supportato, in modo continuativo o selettivo per alcuni progetti, le nostre attività, tra cui ricordo:
OASI onlus
Microcammino onlus
Industrie Menci
Unione ciechi prov. Arezzo
SIFI industrie farmaceutiche
Betatex spa
Centro Chirurgico Toscano



Alberto D’Autilia
Oculista
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
335.5252337

Odontoiatria

Il progetto nasce nel 2010 grazie all'impegno di alcuni Medici di Castiglion Fiorentino (Ar) che conoscendo le gravi carenze sanitarie della Sierra Leone e supportati dall'allora presidente della regione di Koinadogu (nord della Sierra Leone al confine con la Guinea) Dr Peter Contè decidono di collaborare con l'Ospedale di Kabala.
Inizialmente il progetto prevede una collaborazione per la chirurgia generale e ginecologia e l'istituzione ex novo di una struttura odontoiatrica di base.
Nell'estate del 2010 grazie alla sensibilità di aziende del settore odontoiatrico, di pochi odontoiatri e di amici, siamo riusciti ad avere due riuniti (molto usati) ma comunque funzionanti (per riunito si intende poltrona con turbine micromotore scialitica ecc.) materiali di consumo, strumentario chirurgico (pinze, leve, escavatori, condensatori ecc) e tutto quanto occorre per l'odontoiatria di base cioè estrazioni anche complesse, conservativa, endodonzia).
Tutto il materiale fu spedito in container via mare.
accesso dentale fistolizzatoQuando nel Gennaio 2011 arrivammo a Kabala grossi contenitori ci aspettavano sotto le tettoie dell'Ospedale.
on l'aiuto della popolazione locale,entusiasta della novità che si è impegnata in opera di facchinaggio di gravosissimi pesi,siamo riusciti in pochi giorni di intenso lavoro a mettere in funzione uno studio odontoiatrico.
La popolazione locale era stata informata della nostra presenza tramite la radio.
Abbiamo avuto subito un numero di pazienti impressionante. In tutta la Sierra Leone,infatti,non esiste assistenza odontoiatrica. La patologia che vedevamo era per gli occhi di un europeo assolutamente insolita;ascessi fistolizzati ,infezioni gengivali,carie multiple,radici ritenute ecc.
Primo studio odontoiatrico allestito nel 2011Nel 2011 abbiamo curato circa 800 pazienti in tre missioni consecutive (gennaio,febbraio,marzo) riprese poi a Novembre dello stesso anno per un totale di circa 1200 pazienti. La nostra opera è poi proseguita negli anni successivi con più gruppi di lavoro e possiamo stimare con sufficiente approssimazione di aver curato circa 5000 pazienti. Motivo di orgoglio dei locali è stata la presenza di pazienti provenienti dalla confinante Guinea ed anche dalla Liberia.
Uno degli scopi che ci eravamo prefissi era la formazione di personale sanitario in grado di proseguire autonomamente le cure dentali.


Restauro gruppo incisale superiore con composito previa devitalizzazioneRestauro gruppo incisale superiore con composito previa devitalizzazione

Restauro gruppo incisale superiore con composito previa devitalizzazione Siamo stati fortunati avendo trovato tre persone ,con titolo di studio in assistenza sanitaria( le qualifiche professionali e i titoli accademici sono totalmente diversi dai nostri ) volenterose di imparare e soprattutto di mantenere in efficienza e sorvegliare l'attrezzatura.
Oggi possiamo contare su questo gruppetto che comincia a camminare con le proprie gambe ed è in grado di affrontare le cose più semplici e allo stesso tempo voglioso di progredire nelle conoscenze.

Negli anni successivi (2012,2013,2014) abbiamo portato un altro riunito,compressori,materiali di consumo(amalgama,compositi, cementi endodontici ecc.),autoclave e forni elettrici per la disinfezione e sterilizzazione dello strumentario.
Il nostro impegno continua con la ricerca di materiale necessario alle cure dentali,con il miglioramento delle attrezzature ,con i ricambi per mantenere in efficienza ciò che già c'è.
In ciò siamo anche incentivati dall'aver constatato tra i locali un diverso atteggiamento nei confronti delle cure dentali;infatti all'inizio c'era una certa diffidenza circa la possibilità di recuperare un elemento dentale affetto da una carie e la richiesta prevalente era l'estrazione.
Attualmente sono sempre più coloro che richiedono cure conservative.

Ipertrofia gengivale gigante, gengivectomia e suturaIpertrofia gengivale gigante, gengivectomia e sutura

Ipertrofia gengivale gigante, gengivectomia e sutura

Dr. Daniele Buggiani  assistito da Kabba (sanitario in formazione)

Dr. Daniele Buggiani
assistito da Kabba
(sanitario in formazione)


Castiglion Fiorentino 10/04/2014
Dr. DanieleBuggiani

Progetto

Progetto "FARM" (Chingola)

approfondimento
Orfanotrofio St Martin (Kitwe)

Orfanotrofio St Martin (Kitwe)

approfondimento
Lebbrosario St Francis (Solwezi)

Lebbrosario St Francis (Solwezi)

approfondimento
Scuola sordi St Joseph (Kalulushi)

Scuola sordi St Joseph (Kalulushi)

approfondimento

Progetti in Zambia

Qui abbiamo mosso i nostri primi passi, e abbiamo ottenuto con soddisfazione i primi risultati.


Progetto "FARM" (Chingola)


Orfanotrofio St Martin (Kitwe)


Lebbrosario St Francis (Solwezi)


Scuola sordi St Joseph (Kalulushi)

MEDICI in Sierra Leone

dal 2012 un gruppo di medici presta il proprio servizio collaborando con la nostra associazione


Progetto "CHIRURGICO/OSTETRICO"


Progetto "ODONTOIATRICO"


Progetto "OCULISTICO"

Progetto

Progetto "CHIRURGICO/OSTETRICO"

approfondimento
Progetto

Progetto "ODONTOIATRICO"

approfondimento
Progetto

Progetto "OCULISTICO"

approfondimento
SIERRA LEONE

SIERRA LEONE

approfondimento
Downloadhttp://bigtheme.net/joomla Joomla Templates